Il primo libro di fotografia di David Bate

Il primo libro di fotografia (2011, tit. or. Photography. The Key Concepts, Berg Publishers, London, 2009) è un'introduzione epistemologica all'arte fotografica - pubblicata da Einaudi - che può soddisfare le attese dell'esperto appassionato quanto del neofita o del curioso. David Bate, professore di fotografia a Westminster, ha organizzato una serie di problemi-chiave (più che i concetti-chiave del titolo originale) della pratica fotografica amatoriale e professionale, come fenomeno che accompagna una più vasta serie di avvenimenti socioculturali dal 1839 - anno del "brevetto" della nuova macchina da parte di Daguerre - a oggi.

Il primo libro di fotografia, però, non è un libro di storia della fotografia e, per evitare indebite delusioni, va detto subito che questo aspetto interessa poco al suo autore: vale a dire che, pur non mancando alcuni snodi della tecnologia e dell'arte fotografica, il volume più famoso di David Bate sul piano didattico è organizzato in modo tale da proporre al lettore l'incidenza e le implicazioni della fotografia rispetto a tutti gli altri aspetti della società industriale prima e tecnologica poi. Sembra anzi che il Prof. Bate sia poco preoccupato di come e quanto i dati da lui proposti vengano ritenuti, almeno rispetto al rilievo attribuito al dibattito intorno alla fotografia. In questo senso, l'ambizione di questo libro a essere il primo libro di fotografia si può rilevare, oltre che nelle consuete pagine dedicate al riscontro bibliografico di supporto, anche nell'essenziale, ma interessantissima Guida annotata per ulteriori letture. Questo libro, insomma, ambisce ad essere un portale di accesso a una specie di biblioteca del fotoamatore entusiasta.

Ma veniamo a conoscere l'indice, per avere un'idea più completa del volume. La suddivisione della materia (in 262 pagine) è accademica e include perciò tutti gli apparati che ci si attende da un saggio del genere (introduzione, ringraziamenti, indice ecc.). I capitoli veri e propri sono otto e la loro eterogeneità è, a mio avviso, uno dei pregi principali dell'opera di David Bate. In ordine, abbiamo 1. Storia, 2. Teoria della fotografia, 3. Documentario e narrazione, 4. Guardando i ritratti, 5. Nel paesaggio, 6. La retorica della natura morta, 7. La fotografia d'arte, 8. Fotografia globale. Come si capisce dai singoli titoli ciascuno può trovare spunti interessanti per il proprio percorso all'interno di tutto Il primo libro di fotografia, ma può anche - e questo è un ulteriore vantaggio - isolare singole sezioni che operano come approfondimento specifico di una particolare problematica.

Di contro, va detto che non si tratta di un libro facile e, curiosamente, proprio i paragrafi nei quali l'autore tenta di colmare il gap tra la fotografia e le altre discipline (psicanalisi, linguistica, semiotica, scienza delle comunicazioni) risultano un po' sbrigativi - almeno per quelle che sono le mie competenze -  e perciò anche ostici. In definitiva, ci si fa l'idea di avere un po' tutto a portata di mano per partire per un nuovo viaggio, ma i bagagli potrebbero non essere del tutto pronti e alcune ridondanze possono appesantire un po' la valigia. D'altra parte, ciò dipende dal target un po' indefinito previsto da David Bate e dal suo editore inglese. Il tentativo di condensare un intero corso di studi in un saggio di breve respiro produce, in definitiva, qualcosa di poco omogeneo e la mia impressione, in casi simili, è che accorciare sarebbe stato molto più risolutivo che approfondire.

Un problema analogo mi sento di segnalarlo anche nella questione che più a lungo accompagna il lettore lungo l'incontro con Il primo libro di fotografia, ovvero l'intersecarsi della fotografia con le arti figurative tra '800 e '900. Mi sembra un po' schematico e riduttivo, oltre che sproporzionato, affermare una cosa del genere:

La storia dell'arte prima della fotografia è una storia di generi. nelle accademie d'arte la pittura era collocata in una gerarchia di generi distinti a seconda del valore critico dei discorsi che li controllavano. Con l'invenzione della fotografia tutto cambiò, non solo perché fu inventato il mezzo fotografico, ma anche perché l'industrializzazione cambiò totalmente il punto di vista sull'arte e sulle immagini nella cultura. (p. 192)

Non faccio fatica a comprendere la prospettiva da cui nasce una posizione simile e, in parte, a condividerla; ma a rimanere fuori asse, qui, non è tanto il ruolo della fotografia nella storia delle arti, quanto piuttosto il senso del visivo prefotografico e il concetto stesso di industrializzazione, che sembra risentire troppo della lettura di Walter Benjamin (peraltro, più volte citato). Si pensi, insomma, all'industria del visivo nel basso medioevo e nell'umanesimo e nel Rinascimento, "industria" almeno in rapporto alla committenza, alla destinazione e al ruolo dei prodotti, per non parlare di una fruizione che coinvolgeva una comunità in grado di autodefinirsi come "mondo".

Il primo libro di fotografia è comunque un'opera molto interessante per tutti gli spunti che offre, per la capacità di stimolare una riflessione, se occorre anche polemica. Tra tutti, ho trovato molto attuali anche le problematiche relative alla fotografia di paesaggio, con l'attualissimo concetto di "pittoresco" che infesta molti scatti amatoriali (in una strana convergenza con la produzione seriale dell'industria fotografica), e le implicazioni psicanalitiche nel guardare le fotografie. Sui temi e su molte analisi, in sostanza, mi sembra che il libro di David Bate possa davvero essere un primo passo ragionevolmente equilibrato e suggestivo per accedere alle questioni che sottendono, se non il mondo della fotografia, quanto meno la fotografia nel mondo.

Roberto Oddo

Post più popolari