Il virtuoso e il trasgressivo

[Post lampo] Io non so dove stia di casa la trasgressione. Spesso, quando sento dire che lo sarei, già in quanto omosessuale, mi viene da ridere. Tanto più che, dall'altra parte, trovi gente che mi definisce, un po' ironicamente e con un senso di superiorità, troppo "virtuoso", spesso sugli stessi argomenti (perché non prendo il caffè per non alterare il mio fragilissimo bioritmo, a esempio). Ho un autocontrollo eccessivo e nessuna misura per gli eccessi, che mi piacciono tutti e non mi interessano affatto. Mi manca invece quell'equilibrio che mi consente l'infrazione del trasgressivo e l'ascesi del virtuoso: sono istintivo, socievole e introspettivo (una miscela fatale). Se poi, seguendo l'istinto come io faccio, appaio in un modo o in un altro, pazienza.
Io sono capriccioso - e vivo.

Roberto Oddo


Post più popolari